Integrazione Fra Medicina Convenzionale E Medicina Complementare

La medicina tradizionale riconosce lo stato di salute dell’individuo in presenza di valori normali di certi parametri misurabili quali la temperatura corporea, la frequenza delle pulsazioni, il ritmo respiratorio, la pressione sanguigna ecc..

La salute, quindi, secondo la medicina ufficiale, viene misurata prevalentemente sulla base di elementi statistico-quantitativi.

Il medico che lavora secondo i parametri della medicina olistica, invece, cura il paziente e guida il suo organismo verso la guarigione tenendo presente che la salute non è una condizione statica della vita, ma rappresenta un equilibrio di flusso con processi di regolazione biologici e cibernetici che tendono al benessere strutturale, funzionale ed emozionale, tale equilibrio deve costantemente reagire alle variazioni interne ed esterne.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito il concetto generale di “salute” come valore essenziale: “la salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non solo l’assenza di malattie e infermità; il raggiungimento dello stato di salute ottimale è un diritto umano fondamentale”.

Fonte: tratto dal libro del Dr. Nader Butto “Medicina Universale e il Settimo Senso” ed. Mediterranee